Irlanda del Nord: Meraviglie della natura lungo la costa della contea di Antrim


Se vi dico Irlanda del Nord, che cosa vi viene in mente? Belfast? Derry? I troubles? E la natura? Sì, la natura, quella a cui sicuramente pensereste se vi dicessi solo 'Irlanda'? Ebbene, anche quel lembo di terra dell'isola di smeraldo che sta lassù cela delle vere e proprie meraviglie!


Seguitemi lungo la costa della contea di Antrim...


''Siamo arrivati a Ballycastle in serata. Il sole non era ancora scomparso oltre l'orizzonte, ma abbiamo preferito andare subito in ostello, per rilassarci un po'. Anne Mary ha accolto me e Gianluca con una gentilezza estrema. Poi, ci ha mostrato la nostra camera. Quasi d'istinto mi sono affacciata alla grande finestra che dava sul porticciolo...''


Il villaggio di Ballycastle, nella sua semplicità, rivela quello che si può definire proprio un bel quadretto. Un gruppo di case affacciate su un porticciolo, nel quale sono ormeggiate una decina di barche a vela. E poi la spiaggia e in lontananza alte scogliere che dolcemente si gettano in mare. Immaginate anche la voce del vento, che soffia forte, unitamente a quella dei gabbiani. Ecco, è il luogo ideale dove passare la notte e trascorrere qualche ora la mattina, all'alba, prima di mettersi in marcia lungo la strada costiera; è anche uno di quei luoghi però nei quali se amate gli scenari - per così dire - insulari, riuscireste a perdervi per giorni, in un dolce far niente, cullati dagli echi della natura.


Irlanda del Nord - Ballycastle


''Qualche chilometro oltre Ballycastle, l'Irlanda bucolica che ho tanto immaginato si è materializzata: un gregge pascolava in mezzo alla strada. Solo il pastore è riuscito a fare tornare le pecore nei campi...''



Eh sì, l'Irlanda del Nord (non solo l'Irlanda!!!) è anche questo. E' anche restare bloccati per quasi mezz'ora in macchina perché un gregge si è fermato proprio lungo la strada che state percorrendo. Ma è fantastica per questo, perché dà modo di ascoltare quelle pecore belare finché non arriva il pastore, è fantastica perché vi permette di riappropriarvi - nel vero senso della parola! - di tanti piccoli attimi del vostro tempo.


''Poso un piede sul ponte. Poi l'altro. Inizio ad avanzare lentamente. Sento che oscilla e quindi a metà mi fermo. Guardo giù. Al solo pensiero di cadere in acqua, in quell'acqua di un bellissimo colore turchese, ma gelida, mi vengono i brividi. Mi volto e guardo Gianluca, che non ha ancora iniziato la traversata. Poi procedo, fino a raggiungere quello scoglio in mezzo al mare.''


Finalmente il volto sublime della natura, quello che da un lato vi affascina e dall'altro - almeno un po' - vi atterrisce. Avete mai sentito parlare del Carrick-a-rede Rope Bridge? E' un ponte fatto di corda e tavole che unisce uno sperone roccioso alla terra ferma, teso ogni anno ad un'altezza di 25m dai pescatori di salmoni. Anche se attraversarlo può dare i brividi, sappiate che non è pericoloso! In ogni caso, se soffrite di vertigini e proprio non ve la sentite di fare la traversata, vale comunque la pena raggiungerlo, anche solo per la passeggiata lungo le alte scogliere bianche, dalle quali nelle giornate più limpide potreste addirittura intravedere le coste scozzesi...


Irlanda del Nord - Carrick-a-rede Rope Bridge


''E poi il diluvio. E tanta di quella gente. E...la più grande delusione che quella terra potesse darci! In sé e per sé quelle colonne esagonali, così vicine le une alle altre, fitte, ai nostri occhi apparivano come qualcosa di straordinario, ma siamo arrivati al momento sbagliato...


La distesa di colonne esagonali (le più alte arrivano sino a 12m!!!) di cui ho scritto nel mio diario di viaggio, è venuta a formarsi circa 60 milioni di anni fa, in seguito ad un'eruzione vulcanica. La mitologia, tuttavia, gli attribuisce tutt'altra origine: sarebbe opera del gigante Fionn McCumhaill che avrebbe creato una strada per giungere fino all'Isola di Staffa, in Scozia, dove si trovava la sua amata. Ed è dalla mitologia che questo luogo - senz'altro spettacolare in circostanze diverse da quelle che c'erano quando l'ho visitato io - prende il suo nome: Giant's Causeway.


Irlanda del Nord - Giant's Causeway


La costa della contea di Antrim - lungo la quale si incontrano anche la raccolta Spiaggia di Portbradden e l'immensa Baia di White Park - ha rappresentato per me un altro buon motivo per spingermi fino in Irlanda del Nord... 











Nessun commento:

Dimmi la tua lasciando un commento...