sabato 26 aprile 2014

Francia settentrionale, itinerario e consigli: i Castelli della Loira...

L'itinerario che vi propongo di seguire parte da Nantes - cittadina che in realtà rientra nella regione della Costa Atlantica, ma che è considerata la porta d'accesso ai celebri Castelli della Loira - e si conclude a Parigi. Il percorso suggerito è l'ultima parte (o la prima se decidete di seguirlo in senso inverso) di un viaggio più ampio, di circa 15 giorni, che inizia nella capitale francese e che si snoda tra Normandia e Bretagna. Questa parte dell'itinerario prevede quattro giorni, l'ultimo dei quali va dedicato al rientro a Parigi e al ritorno a casa o, come è stato per me, ad un eventuale proseguimento del viaggio. Se, tuttavia, avete poco tempo a disposizione, potete pensare ad un weekend lungo (e romantico...), dedicato esclusivamente ai castelli e alle loro atmosfere principesche; o ancora, potete prolungare un vostro eventuale soggiorno a Parigi, spingendovi oltre la Reggia di Versailles...

Nei tre giorni che ho trascorso nella Valle della Loira, ho visitato undici castelli ed un'abbazia. Considerate, tuttavia, che solo in sei di essi sono entrata: innanzitutto per questioni di tempo e poi per non 'appesantire' eccessivamente le giornate; non volevo né correre né finire per trascinarmi tra le stanze di un castello e quelle di un altro, arrivando a sera stravolta. Non va dimenticato, inoltre, che i biglietti di ingresso non sono propriamente economici, costano su per giù 10 Euro l'uno. Dei palazzi che non intendete visitare all'interno, potete limitarvi ad esplorare i meravigliosi giardini, come ho fatto io, in compagnia di Gianluca...

Come avrete capito, la regione della Loira offre numerosi luoghi d'interesse (tra l'altro, non solo castelli...) e diventa dunque difficile fare una scelta che ne includa alcuni e di conseguenza ne escluda altri. Spero che le mie foto, accompagnate da brevi didascalie, possano esservi d'ispirazione...

Giorno 1: Nantes, Angers e Saumur

Gianluca presso la corte di Nantes: alle porte della Valle della Loira...

Il Castello di Angers: lo 'scrigno' dell'Arazzo dell'Apocalisse

Una fresca mattina: Gianluca tra le vigne del Castello di Saumur...

Giorno 2:  Abbazia di Fontevraud, Castello di Chinon, Castello di Azay-le-Rideau e Castello di Villandry

Navata centrale dell'Abbazia di Fontvraud

Sepolcri degli antichi sovrani bretoni

Veduta del Castello di Chinon: i vigneti circostanti sono famosi in tutto il mondo...

Scorcio di una torre del Castello di Chinon

'Skyline' di Chinon

Il più fiabesco dei Castelli della Loira: Azay-le-Rideau

Scorcio del Castello di Azay-le-Rideau

Il castello e i labirintici giardini di Villandry

Tra i temi dei giardini anche l'amore: romantico, passionale, spezzato ed infedele..,

Giorno 3: Amboise, il Castello di Chenonceau, il Castello di Cambord e quello di Cheverny

Amboise, il suo castello e la Loira

La casa di Leonardo da Vinci ad Amboise

Il Castello di Chenonceau: ospitò, tra gli altri, celebri esponenti dell'illuminismo...

Ammirando Chenonceau...

Il Castello di Chambord: al suo interno una scala a doppia elica attribuita a Leonardo...

Un saluto dal Castello di Cheverny, che ispirò il fumettista belga Hergé, creatore di Tintin...





Nessun commento:


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...