giovedì 1 maggio 2014

Francia settentrionale, itinerario e consigli: tre giorni a Parigi...

Nella primavera del 2012 ho trascorso due settimane nella Francia settentrionale.

In questo e nei successivi tre post troverete quello che è stato il mio itinerario. Ve lo propongo (unitamente a qualche consiglio) in modo che possiate trarne spunto nell'organizzare il vostro viaggio.

Si tratta di un percorso circolare che coniuga la cultura di una delle capitali forse più belle (nel vero senso della parola!) d'Europa, la storia della Normandia, gli indimenticabili scorci paesaggistici della Bretagna e le atmosfere da favola dei castelli della Loira. 

PARIGI

Come arrivare?
Per chi vive nel nord Italia, il mezzo forse più comodo ed economico per raggiungere la capitale francese è - a mio avviso - il treno: due mesi prima della partenza sono riuscita a prenotare un biglietto di sola andata con partenza da Milano (da Parigi mi sono poi spinta, sempre viaggiando sui binari, sino a Berlino) a soli 25 Euro! Certo, il viaggio dura quasi sette ore, ma bisogna considerare che si arriva direttamente in centro e non è quindi necessario avvalersi di navette aeroportuali che possono incidere in maniera rilevante sui tempi, oltre che sul costo, del viaggio. E questo è il caso di Parigi-Beauvais, aeroporto dove attera una nota compagnia low-cost. 

Come spostarsi una volta arrivati?
E' inutile dirlo, Parigi è molto grande. E' possibile 'perdersi' nelle varie zone della città anche per ore, camminando, ma prima o poi si avrà la necessità di spostarsi su un mezzo più veloce. Anziché acquistare singoli biglietti della metropolitana (probabilmente dovreste acquistarne almeno due al giorno, uno per lasciare la vostra sistemazione e uno per farvi ritorno), vi suggerisco di valutare la cosiddetta 'Carta dei trasporti Paris Visit' che, per un minimo di 1 ed un massimo di 5 giorni, vi consentirà di usufruire dell'intera rete di trasporti dell'Ile de France. Le tariffe cambiano in base al numero di giorni e alle zone che comprendono; nei giorni festivi, chi ha meno di 26 anni può usufruire di una tariffa scontata. 
Potete anche pensare di acquistare una Paris visit valida per una parte dei giorni che trascorrerete a Parigi. Se, ad esempio, la vostra permanenza si protrarrà per tre giorni ed il primo giorno della vostra visita utilizzerete i mezzi pubblici esclusivamente per raggiungere una determinata zona e per poi tornare al vostro alloggio, potete acquistare due biglietti singoli per il primo giorno e la carta dei trasporti per i restanti due giorni, nei quali magari avete in previsione un numero maggiore di spostamenti. 

Dove dormire?
Date le difficoltà che ho trovato nella ricerca di una sistemazione che avesse il giusto rapporto qualità / prezzo, voglio suggerirvi una soluzione economica, oltre che centrale e dotata di tutto ciò che può risultare necessario durante un breve soggiorno a Parigi. Si tratta di un monolocale che può ospitare due persone, situato nella mansarda di uno stabile d'epoca. Il costo? 45 Euro a notte! Per prenotare potete contattare il proprietario, Christian Joly, al seguente indirizzo e-mail: hauteville10@orange.frL'unico aspetto negativo è dato dalle numerose rampe della scala e dall'assenza di un ascensore...

Cosa vedere?
Posso affermare con estrema certezza, che è possibile recarsi a Parigi anche dieci volte, ma che ogni volta ci sarà qualcosa di nuovo da scoprire! Tre giorni possono, tuttavia, essere sufficienti per farsi un'idea della città e per visitare alcune delle sue maggiori attrazioni. 
Non vi proporrò un dettagliato itinerario da seguire: potete cercarne uno in rete o su qualche guida, oppure organizzarne uno voi stessi, adattandolo alle vostre esigenze. D'altra parte, Parigi ha così tanto da offrire che si deve necessariamente selezionare ciò che si intende visitare ed un qualsiasi elenco di luoghi risulterebbe insensato, per il semplice fatto che ogni persona ha i propri interessi e i miei potrebbero non corrispondere  ai vostri.
Ciò emerge già nella scelta dei musei. Io non mi perderei mai il Centre Pompidou, ma chi non è interessato all'arte contemporanea non lo inserirebbe all'interno del proprio itinerario. Lo stesso discorso vale per l'Orangerie, che ospita in tre sale di forma ellittica ''Les Nympheas''dell'impressionista (nonché mio artista preferito) Monet. E poi, quelli che forse vengono considerati i due must durante una visita a Parigi: il Louvre e il Musée d'Orsay. Riguardo a questi ultimi potete trovare molte informazioni sui rispettivi siti internet, quindi non vi annoierò con una inutile sintesi sui capolavori che espongono, ma voglio darvi qualche informazione che potrebbe esservi utile per organizzare la vostra visita. Innanzitutto, acquistate il biglietto d'ingresso on-line (potete fare riferimento al centro di informazioni turistiche), per evitare - ciò vale soprattutto per il Louvre - le interminabili code all'ingresso, tenendo in considerazione che nei musei parigini chi ha meno di 25 anni entra gratis. Inoltre, soprattutto se avete poco tempo, non chiudetevi all'interno delle gallerie per intere giornate perché volete ''vedere tutto'': rischiate di stancarvi tantissimo e di non ricordare nulla! La cosa migliore sta probabilmente nel fare una scelta, che assecondi il vostro gusto, tra le varie collezioni dei diversi musei. Poi, non è detto che non si possa tornare in un'altra occasione...
Spesso chi soggiorna a Parigi per un breve periodo tende a correre per cercare di visitare quanto più possibile. Alcuni luoghi, come ad esempio il quartiere di Montmartre, vanno tuttavia gustati con calma, semplicemente passeggiando o fermandosi ad osservare quelle piccole cose, che in altre circostanze magari si reputerebbero insignificanti. Lo stesso vale per il monumento che forse più rappresenta la capitale francese, la Tour Eiffel: sarei potuta restare ore semplicemente a guardare il suo profilo che svetta verso il cielo! Un modo rilassante, oltre che estremamente romantico, per scoprire Parig? Una crociera sulla sulla Senna, sul cosiddetto Bateaux Mouches, magari al tramonto o la sera, quando la città è completamente illuminata. Dalle 16 alle 23 vi sono partenze regolari (ogni 20 minuti) dal Port de la Conference - Pont de l'Alma, dove i traghetti riapprodano dopo poco più di un'ora di navigazione. Il costo? Nel Aprile 2012 ho pagato 11 Euro.
Chi ha la possibilità di fermarsi a Parigi per più di qualche giorno può anche non limitarsi ai quartieri centrali e fare qualche gita fuori porta. Vi sono svariate possibilità: dal cimitero di Père-Lachiase, dove sono sepolti Oscar Wilde e Jim Morrison, al futuristico quartiere della Dèfense, fino ad arrivare alla reggia di Versailles e alla Cattedrale di Chartres... Insomma, anche in questo caso, tutto dipende dalle vostre esigenze e dai vostri interessi.
 
Per concludere, ecco qualche foto...

Ma la Tour Eiffel quanto è leggera?

Place de la Concorde,  Champs Elysées e Arc de Triomphe

Il Louvre

Notre Dame

Lungo la Senna...

Artisti a Montmartre 1

Artisti a Montmartre 2

La Basilique du Sacre Coeur


Il Centre Pompidou

Nei pressi del Centre Pompidou: Place Stravinsky

Pigalle: il quartiere a luci rosse...

Il Moulin Rouge

All'inteno dell'Musée d'Orsay




Nessun commento:


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...